Mondiali 2014: perché abbiamo perso contro la Costa Ricca

Il giorno della partita, era venerdì 20 giugno, nell'ufficio si è parlato dell'evento. Avevo espresso dei miei dubbi sull'esito dello stesso. Mi chiedevo come mai la Costa Ricca è riuscita a vincere nettamente (3:1) contro l'Uruguay. Non doveva essere la squadra con la quale migliorare la differenza reti? E dopo è successo quello che abbiamo visto tutti; hanno sconfitto anche noi per 1:0. Ma il problema non è soltanto la sconfitta, ma il modo in cui è arrivata. I nostri non si sono visti proprio: la staticità assoluta su tutto il campo, senza le eccezioni. Se nessuno andava meglio degli altri, si è distinto Cassano che era sicuramente il peggiore. Nemmeno una palla passata correttamente, l'errore sull'errore. E dovrebbe essere il nostro fantasista.

Dopo la partita le infinite teorie perché non siamo scesi in campo. Dalla nostra squadra una marea di scusanti che aumentava lo fastidio. La più bella è quella di Tiago Motta: noi non possiamo giocare contro le squadre di quella zona perché non siamo abituati alle condizioni climatiche. Ma che cavolo siamo andati allora a cercare là? Con questa visione è inutile provare a qualificarsi contro l'Uruguay: loro sono di là e noi siamo di qua. Tutti erano d'accordo che la squadra era stanca, non tutti sul tipo della stessa: fisica o psichica. Si è tirato fuori in ballo anche la distanza che la nazionale deve percorrere durante le classifiche: 3500 chilometri, e questo è molto, ragazzi non sono abituati, non hanno ala condizione per sopportare i trasferimenti così lunghi. Allora, per il prossimo mondiale si dovranno esercitare anche di volare nell'aereo. Pazzesco! In questi 3 giorni dopo la partita, non ho sentito un'argomentazione credibile che spiegherebbe l'avvenuto. Pertanto mi ci sono messo io ad analizzare e capire perché.

Ed ecco la mia teoria; è almeno originale e la ritengo più credibile delle altre, che in effetti non si sono nemmeno sentite. Partiamo dai fatti: I Costaricani hanno vinto contro gli Uruguaiani nettamente. Non ho visto la partita, ma ho sentito che quelli ultimi erano poco impegnati, un po' sonnolenti, come noi. Ed entrambe le squadre, vittime contro i Costaricani, hanno fatto una decente prestazione contro gli Inglesi che non sono una squadretta. La spiegazione è una sola: l'organico del paese ricco ha ingaggiato un sciamano temazcal, di una stirpe molto famosa e potente, che è riuscito ad addormentare i nostri usando i riti Vudù.

 

Vi possono sembrare delle barzellette le mie lucubrazioni mentali, e forse lo sono anche, ma è la sola interpretazione logica che ho sentito. Ieri Prandelli ha dato un'altra, riferendosi alla partita di oggi con l'Uruguay, ma può essere traslata anche per quella in oggetto. "Loro sono più patriotici di noi". Direi che potrebbe essere qualcosa dentro, ma vi sembra una cosa da dire nel pubblico, da uno con la sua posizione. Comunque, stamattina mi sono alzato più presto e mi sono presentato al mio posto di lavoro con un'ora di anticipo rispetto al mio orario normale, per poter uscire prima e guardarmi la partita, accompagnato da una bella birra fresca. Spero soltanto che mia moglie si trova un divertimento dall'altra parte, perché ogni tanto anche lei vuole vedere con me una partita di calcio, così condividiamo le cose. Ma se guarda lei io divento nervoso, sempre in attesa che lei iniziasse a raccontarmi come è andata la spesa oggi, cosa ha detto la sua amica a proposito delle sfilate che sono iniziate questi giorni a Milano.

Finisce che io non vedo quello che voglio vedere, in pace, se possibile. Ad un certo punto si rende anche conto e si scusa: "adesso starò zitta". E così sia, fino al prossimo lampo nel suo cervello che le fa ricordare che oggi è arrivata la bolletta del telefono s che l'importo le sembra un po' altino. E io stavo proprio per dirle di andare a chiamare una delle sue amiche e di farsi una chiacchierata di quelle salutari.

Aggiornamenti

In data 3 dicembre 2014 ho aggiornato il sito. Nella pagina che parla dei guadagni online ho aggiunto le mie esperienze per quanto riguarda il commercio delle valute e un video con una lezione per principianti. Sul passeggiando è stata inserita una fotografia ed un nuovo collegamento relativo ad una classifica dei siti.

Un immortale

L'8 gennaio 2016 ha compiuto 69 anni. Lo stesso giorno è uscito il suo ultimo album intitolato Blackstar, stella nera. E' morto due giorni dopo. Una delle canzoni del suo nuovo capolavoro, Lazarus, praticamente annuncia il suo trapasso. Ho evitato di usare la solita parola che noi usiamo per indicare la fine della vita, usando quella che meglio si addice come traduzione del verbo che si utilizza in molte lingue e che parla di passaggio nel..., non si sa esattamente cosa, ma chiaramente non indica la fine. Non so se questo qualcosa, una specie di aldilà, esiste davvero, ma lui è passato nella storia, non solo della musica; l'unico modo per diventare immortale. Gli dedico i miei pensieri per facilitare il suo passaggio nei livelli ancora più alti e gli offro come omaggio una sua canzone. Ad una grande ed immortale; la sua musica ha avuto un certo ruolo nella mia vita.

Bowie - Diamond dogs